Paggena:Altavilla - Na cena a la cantina siciliana.djvu/39

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 39 —

Ros. AUUta^parola spappata da la Tocea: « Rosina mia di questo Gore j> e ppèrcbè non me spujsè? •’

Lui. Io dipendo da. voi.

Ros. Da me? ebbene, stasera sarrimmo.marito e mmogliera. Qnestq casa è tua.

Lui. Ma D. Pangrasio, «Uà figlia;..

Ros. JE lloro chi so? dtije infelici che stanno soggette a lo brodo mio. -’<

Pan. (tra sè) (Auh Imo la schiaffèo non porta che. non magno cchiù!)

Lui. Ebbene, stasera s’effettuerà il matrimonio.

Ros. Tommaso...Tom... (osservando J’arig.)Ah! tustajecca?

Pan. Stò ssenteono le èispesteioni che mm’avtte da dà, moncetò; (con significato) pe non perdere lobrodovuosto.

Ros. E ch’ è bascia;. non staje tu e flìgHeta soggette a io twozao de pane che ve donco io? Pan. (e. sr) Va pe ©quanno na ciertóì maschera sue magnava no grana la piccola £ la grossa,e j lo.;. MI moumiio! munnol.

Ros. Non fc»ttiwà cq mine ca» non ae cacce niente i Tofiunà? ~

Tom. Commannale.

Ros. Sta «ora gelate a bbizzeffio.

Pan. Vi\je avite dato l’appuatamento pe la cantina siciliana... • ■ ’’à Ros. Ahlsil.Embè dimane a ssera spoa&wimo; ma voglio che 1« ^aMriflróionia mio sia preceduto pure da ne lestUtó. Piammo ita sera jammo a ccena a la cantina wertiana, e ddoppo eoa volimmo pas$à tutta ia nottata ndiveriimelato; va bene? •

Lui. Benissimo.

Ros. Che ora stmeo?