Paggena:Altavilla - Li duje segretiste.djvu/76

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 76 —

SCENA V.

Agata, indi Colombina in fine Luigi e Ponzo.

Aga. (dirigendo la parola al didentro) (É cchisto? aggio capito. > Quanto è bèllo: quantó e beilo; veramente bello J

Ber. (confusol’otterva e poi dice IChi nèsi gnori?

Aga. Nnc’ è ssimpatia, ne’ è grana, no’ è ttutfo f

Ber. Co chi l’avite?

Aga. Co echi? co buje, giojello de sta casa. Oh! essi; s’ è pperduta la malincbnia; mo se po sta allegramente, è btenuio lo trastullo, lo fedicolo, lo buffone, lo pupazzo de la casa.

Ber. (No cchiu I) E chi è cchisto mo?

Aga. Vuje vuje: mo tenimmo chi nce serve /lenimmo chi lava li piatte, lenimmo chi scopa 9 chi strìglia lo ciuccio 9 chi governa lo porciello...

Ber. (No cchiù!) E cch’fa cirsio?

Aga. Vuje, vuje.

Ber. lo! io m’accatto a tte e trutta la razza loja.

Aga. (gridando) Gijè, bada comme parie sa, ca io te faccio na faccia de schiatte.

Ber. A mme! ■ ’

Aga. A tte sì: comme! a la patrona de casa sediceno sti sciorte de parole.

Ber. Tu sì la patrona de casa, tu? D.’Agata mo è bbenuta e ha parlato co mmico.

Aga. Chi?

Ber. D.a Agata.

Aga. Si ppazzo l

Ber. So ppazzo? mo te lo faccio sentì co li rrecchie toje. (s’ accosta alla porta a sinistra e chiama; D. Agata?