Paggena:Altavilla - La folla pe lu ppane francese.djvu/33

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 33 —

~ 33 Ale. No no 9 sbagliate, più di Mercurio; vedete, la faccia ve lo attesta.

Gia. Siente, sì non portasse rispetto a lo cafettiero eh* è amico mio e a sti signori che t’affiancano sa quanta pagnottine co lo butirro te vorria Ncarrecà.

Cic. (air eccesso della rabbia) Pagnottine co lo cancaro! co lo cancaro! co lo cancaro!

Gia. (c. s.) Che te roseca! che te roseca! che te roseca! Chisto che cancaro s'ha fatto afferra?

Cic. Io mò mme scanno

Gia. E quanno dico io: aggio capito, lassarne... (per andare)

Cic. Gnernò assettateve.

Gia. Ma io aggio da cheffà.

Cic. Assettateve, ve ló prego io e basta (gli da un urto sulle spalle e lo fa sedere per forza)

Gia. Ah! (dolendosi) Puozz’ essere acciso!

Cic. Che vi siete compromesso il settentrione?

Bar. ì

Con. (Ah, ah, ah!

Ale. >

Ale. Bona cliesta 1

Gia. Embè, sarraggio fatto lo trastullo de lo cafè.

SCENA III.

D. Anselmo e detti.

Ans. Schiavo caffettiero.

Ale. Il segretario de lo magazzino de Io pane francese. (Baroncino, Contino ed Alessio, lo circondano con premura)

Bar. È giunto il pane!