Paggena:'O funneco verde.djvu/8

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
6
'o funneco verde
esce l'anema a cuorpo pe fa sti quatte stole. Sorete addò è ghiuta?
Peppenella — E che ne saccie? Starrà a du Nannina!
Rosa — 'O solito! Va sempe ncoppa a du chella faccia tosta de Nannina! Vularria sapè propete che nce va a fà? Signò scanzece da quacche guaie nu iuorne de chiste! Chella tena na capa pazze! Io nun la pozzo parià!
Peppenella — Guè mà, alla fine che nce sta de male che chella va a du Nannina! Mariella me dice che Nannina sape leggere e scrivere, e essa nce va pè se mparà nu poco!
Rosa — Uh! maramè! te npara a leggere e a scrivere e che a da fa lu nutare? Invece de ittà l'acite ncoppa a li stole cumme fa la mamma soia, che è becchia, essa se va nparanno sti sciorte 'e cose! Cu chille puze ferme che tene se putarria fa diece stole a lu iuorne!
Peppenella — E pò chi scrive a Ciccillo che sta Assabia?
Rosa — Nce sta Biasiello lu barbiere che pe duie sorde, te fa na lettera da cà a la bascie.
Peppenella — Ebbè chella vò avè essa 'o sfizio de scrivere a 'o frate! Le vo fa na lettera tutte cu li mane soie!
Rosa — Tu chi lettera me vaie cuntanne, chella va trova che te stanno combinanno essa e chella auta mala npechera.
Peppenella — Nè mà, e che ponne cumbinà?
Rosa — Va trova cu chi se songhe poste a fa l'ammore?
Peppenella — E chelle tutte e doie stano ncaparrate e tu lu saie! Nannine fa l'ammore cu Vicienzo 'o cusutore... e Mariella cu Papele 'o cianciusiello.
Rosa — M''e numinata n'auta bella pezza... Papele 'o cianciusiello! guè... sa che t'avviso?... nun piglià assempio da chella faccia tosta de sorete, pensa che tu sì guagliona, e si state crisciuta, se po dicere da me sulamente, senza pate... pecchè lu puveriello murette, mò fanno tre anne, quanno fuie chella brutta malattia, che li gente dinte a stu funneco, murevano comme alli mmosche... Che brutte ghiurnate! Se me l'arricorda surtanto, me vene lu fridde e la freve!
Peppenella — Mà... e nun pensamme a guaie!... Parlammo de cose allere... Quanta 'auta stole se ne anno da fà, che mo me mette a faticà pure io... e accussì vuttamme li mano leste.. leste...
Rosa — Chesta mo la fernesco, se ne ànna fa n'auti treie a viccanne la paglia.