Paggena:'O funneco verde.djvu/36

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
34
'o funneco verde
Ciccillo — Che à fatta! Chella mò steva ca!
Rosa — Parla... tu me faie murì.
Brigida — A' data na botta e curtiello a Papele e l'à stiso nterra!
Rosa — Tu che dice figlieme à fatto chesto!
Ciccillo — Pure stu sfizio me à levato!
Rosa — Povera figlia mia, mo va carcerata!
Peppenella — Povera sora mia!
Biasiello — Ma comme è stato?
Brigida — Quanno isso è asciuto da cà dinto, l'è curzo appriesso, e cu la spatella 'e Genova l'à data na botta dine e rine!
Alessio — A' avuto il coraggio de fa chesto?
Ciccillo — Nun nce perdimme nchiacchiere, iamme avvedè Mariella!
Mariella (fuori) — Mariella sta cà! L'aggio fatto friddo! Accussì aveva succedere! Chisto era lu destino!
Rosa — Ma mo vaie carcerate!
Mariella — Annascunniteme pecchè me vanne truvanne!
Rosa — Viene, miettete a reta a mamma toia, me anna accidere primme a me e po te pigliano! (la nasconde)
Guardia (entra in fretta) — Cà è trasuta na figliola che à data na botta de curtiella a nu giovene!
Tutti — Cà nun nce sta nisciuno!
Guardia — A cà nce stà nu surdato? Patriò, ditemi voi la verità, nce sta sta figliola?
Ciccillo (esita, poi si rivolge) — Sta figliola è sorema, la vedite cà pigliatevella!
Rosa — Ah! Ciccillo che è fatto?
Ciccillo — Aggio fatto lu duvere mio!
Guardia — Bella figliò venite con noi in questura!
Mariella — Mà, statte bona raccumanneme a Madonna! Peppenè addio, guarda l'assempio mio, e miette cape!
Rosa — Uh! figlia mia (l'abbraccia)
Peppenella — Uh! sora mia!
Mariella (si avvicina a Ciccillo) — Io vache a scuntà li peccate miei e dinte a li carcere, ma t'aggie sarvate a te! e chesto me premeva! Tu pienze a mamme e a Peppenella! Frate mio tu me perduone?
Ciccillo (esita poi si volge e le dà un bacio sulla fronte) — Sì te perdono! Quanne iesce da là dinte t'arape n'auta vota la casa toia!
Mariella — E io mò nce vaco cuntente! (alle guardie) Iammuncenne! (via seguita dalle guardie)
Tutti (gridando) — Uh! puverella!
Rosa — Uh! figlia mia bella!