Divina Commedia (Napulitano)/32

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

[p. 142 càgna]

CANTO TRENTADUIESEMO
ARGOMIENTO
Dinto a chisto canto Dante jenno a la primma parte de lo nono e urdemo circolo, chiammata Caina trova a Arberto Cammesone de li Pazze, lo quale lle parla de l'autri dannate, che tradettero a li pariente, e che ccà dinto veneno casticate. Dinto a la seconna parte chiammata Antenora addò songo casticate li tradeture de la patria, trova a Vocca e a l'abbate de Vallombrosa, lo quale l'ammosta a paricchie autre dannate.


Se io tenesse li vierze aspre e abbrocate
Comme a sto puzzo se commenarrìa,
Addò stanno autre munte accatastate,
Lo zuco mio io lesto spremmarria
Cchiù de primma, ma già che mo non l'aggio,
Co paura mo piglio st'autra via;
Nn'è ffàcele a aizà chisto viaggio
De lo munno venì tutto parlanno,
Nè co lengua guagliona io parlarraggio.
Ma le Mmuse 'mperò mm'ajutarranno
Comm'Anfione stèttero a ajutare,
E stisse fatte a lo pparlà sarranno.
Popolo vascio che non saje parlare
Malo-criato a chisto luoco adduro!
Meglio essere le ccrape a ppascolare

[p. 143 càgna]

Comme fujemo pò a lo puzzo scuro,
De lo gialante sotto, e abbascio assaje,
E io guardava ancora a l'autro muro,
Comme passe mo guarda, uno strellaje,
Fa sì che mo non tuocche co le cchiante
Le ccape de li frate nfra sti guaje.
E votànnome llà mme veco nnante
Da sotto a mme no laco, ca pe ggelo
Parea de vrito e nno d'acqua stagnante.
Non facette lo curzo sujo lo velo
De vierno la Danoja a Austericco
Nè lo Tanajo sotto a ffriddo cielo,
Comme ccà steva, ca sì Tabernicco
Nce fosse juto ncoppo a Pretachiana,
Da lo surco n'avria fatto no cricco.
E comme la ranocchia se 'mpantana
E ccanta fora l'acqua pe 'ntramente
Se sonna la campagna la pacchiana,
Allevetute 'nfaccia nfra sta ggente
Erano ll'ombre dinto a chella jaccia,
Tremmanno tanto brutto co li diente.
Ognuno sotto avea votato faccia:
Friddo mmocca, e da ll'uocchie core tristo,
La verità da chesto ccà se caccia.
Quanno llà attuorno avette io doppo visto,
Mme voto e beco a ddoje nfra lloro strette,
E chillo li capille avea de chisto.
Diciteme vuje mo, strignenno piette,
Io dicette: Chi site? e llà acalate
Ognuno a guardà nfaccia mme se mette,
E ll'uocchie lloro ch'erano abbagnate
Scorrettero pe nfaccia, e a ggelo a mmorte
Le llacreme se ficero e nzerrate.
Maje non 'nchiovaje duje ligne accossì fforte
No chiuovo, comm'a chille qua Serrecchie
Tozzajeno 'nziemme p'arraggiata sciorte.

[p. 144 càgna]

E uno, ch'avea perze le ddoje recchie
Pe lo friddo e la capo abbascio a nnuje,
Dicette: nfaccia a nuje pecchè te spiecchie?
Si vuoje sapè chi songo chisti duje
La valla, addò Besenzio se 'ncammina
D'Arberto patre lloro, e lloro fuje.
Frate carnale songo, e a la Caina
Potraje cercare, e non trovarraje ombra
Degna cchiù de sta dinto a ggelatina.
Non chille, co lo pietto rutto, o l'ombra
Co na mazzata datale da Artù;
No Focaccia, nè chisto che nzolombra
Co a capo, e io niente veco cchiù,
Sassolle Mascarone fuje chiammato,
Tu Toscano lo ssaje abbuonnecchiù.
E pecchè nchiù sermune m'àje schiaffato
Io fuje lo Cammesone de li Pazze,
Carlino aspetto che m'àve scusato.
Pò vedette io mille facce cagnazze
Nfreddate, e no libbrezzo io nne provava,
Venarrà sempe da jelate guazze.
E mmiezo co lo Masto io cammenava
Addove ogne peccato cchiù s'auna,
E pe l'aterno luoco io llà tremmava;
Si voglia fuje, o destino, o fortuna
Non saccio, nfra le ccape io cammenaje,
E fforte co lo pede smesto a una.
Pecchè mo mme scamazze? a mme strellaje;
Si tu non viene a cresce la vennetta
De Montapierto, chesto pecchè ffaje?
E io: Si Masto mio, mo ccà m'aspetta,
Che a llevà na ncertezza m'aggio a mmette,
Pò jarraje de pressa qua saetta.
Lo masto se fermaje, e io dicette
A chillo che ghiastemme deva fora
Tu chi si che pe ll'autre nn'àje riciette?

[p. 145 càgna]

E tu chi si che vaje pe l'Antinora,
Risponnette, e le ffacce vaje ammaccanno,
Si fosse vivo sarria troppo ancora?
Caro essere te pole, io sto campanno
Io lle dicette, e saccio che vorrisse
Lo nomme tujo mettuto fora danno.
E isso a mme: Contrario so nfra chisse
A ste ccose, e non farme lagno a chesto
Ca tu non me nce cuoglie nfra st'abbisse.
Lo piglio pe la capo allora priesto,
Dicenno: Tu chi si dimme una bbotta,
O no capillo ncapo non te resto.
E isso a mme: la faccia mo m'abbotta,
Non te dico chi songo a ste ppedate,
Si mme daje mille vote a ccapo sotta!
Io li capille aveva arravogliate,
Scepannoncenne pure quarche ciocca,
Mmentre isso ll'uocchie aveva assaje nfocate;
Quanno n'autro strellaje: Che àje tu Vocca?
Non t'avasta sonà co le mmascelle,
Si non abbaje? chi diavolo te tocca?
Dicette io: Mo non voglio sapè chelle,
O nfamo tradetore, e tutta sconta
La pena ca de te nne dice bbelle.
Vattè, dicette, e zzò che buoje tu conta.
Ma parla, quanno ccà no cchiù te mmische,
De chi à avuta mo la lengua pronta:
L'argiento chiagne ccà de li Francische;
Vedette, potraje dì, Buoso nfra ciente,
Llà addò li peccature stanno frische.
Si spiano si nc'erano cchiù ggente
L'Abbate tiene ccà de Vallembrosa
Che la capo tagliata avette a niente.
E Gianne Sordaniere nn'arreposa
Co Gallenone nziemme a Tribardiello
Che a Faenza facette mala cosa.

[p. 146 càgna]

Nce nne stèvamo jenno bbello bbello
Quanno a dduje veco dinto a no pertuso,
Si che na capo a ll'autra era cappiello.
Qua pane che de ffamma leva ll'uso
No spireto li diente a ll'autro agguanta,
Lo cerviello se magna a lo caruso.
Tale e quale Tidejo tutta quanta
La coccia se magnaje de Menalippe,
Ca chillo restaje proprio nfaccia schianta.
O tu ch'ammuste arraggia e cchiù lo scippe
A chisto che non può vedè e lo magne,
Dimme pecchè, io dicette, non t'allippe,
Che si tu a rragione d'isso chiagne,
Sapenno vuje chi site, e de che pecca,
Ncopp'a lo munno io pure te nne cagne,
Si aggio tiempo, e la lengua non se secca.