Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/14

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
14
CANTO

}

Le Muse ntuorno ntuorno haveano stise
Li mantesine pe se le pigliare,
Ca le Muse perzì vonno tornise,
Quanno da vero voleno cantare;
Io pe chesto vedere llà me mise,
Ma ncagno de moneta ecco spilare
Quatto poemma veo de sicco nsicco,
La Vaiasseide, Ciullo, Rosa, e Micco.
Ma chelle, e l’autre che boleano agresta,
Havenno viste ca nò nc’era taglio,
Se sosero, e scacano chella festa,
E de lo canto scompero lo staglio,
E me vennero a me pe na menesta
Li quatto libre vierde commo n’aglio,
Che serveno pe fede de Notaro
Ca le Muse co mmico prattecaro.
Io stoppafatto de vedere chello
C’havea veduto, disse ò Caporale
Non e fare votà lo cellevriello,
Di commo fa ste cose st’animale?
E dimme s’è cavallo, ò s’eie auciello,
Pocca ha le scelle che buie chiammat’ale:
E’ no ciuccio disse isso, e fa ste prove,
Pe preveleggio che le deze Giove.
Quanno chille Giagante caparrune
Huommene gruosse de la maglia antica,
Pe fare co li Deie a secozzune
Fecero chella tanto gran fatica,
Ammontonanno chille gran petrune
Pe se ne ire fi ncielo nlettica,
Giove li suoie che stevano ccà nterra
Chiammaie, che se screvessero a la guerra;

Sa-