Paggena:Tre banche a 'o treciento pe mille - Antonio Petito.djvu/16

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 16 —

D. Cì-g. (dando mo spintone a d. Ceccia) e battenne a malora!

D. Cec. (indignata a don Ciccio) A me daie chesta ruttata? Te piglia, (lo percuote con Vomir elio)

Annar. (minacciosa a don Asdr libale, a -don Pangrazio e a Pulcinella) e buie auti briccune te pigliate li percuote.

D. Pangr. (gridando) Aiuto!

Pulc. (c. p.) Misericordia!

D. Asdr. (c. p.) Ma sciancato (fuggono tutti e tre alla rinfusa per la scena, inseguiti da Annarella che contìnua alV impazzata a tirare colpi di bastone).

Pipet. (simultaneamente protestando forte) Le mie duecento lire?! io voglio il danaro mio.. datemi le mie duecento lire, (quadro a concerto: panico, gridi, confusione generale, don Asdrubale, don Pangrazio e Pulcinella fuggono per la porta di destra sempre inseguiti e ’percossi da Annarella mentre do7i Ciccio a stea volta percosso da donna Ceccia, fugge inseguito da costei per la porta di destra, nel contempo Pipetiello ed il pubblico che affollava la scena fuggono alla rinfusa per la porta di destra e per quella di sinistra (1).

SECONDA MUTAZIONE

La medesima camera terranea come al levar della tela.

Pulc. (balzando dal pagliericcio, sbalordito, gridando ) Mamma mia!

D. Pangr. (svegliandosi di soprassalto dal grido di Pulcinella levandosi anch’ egli dal pagliericcio, con stupore ) Ch’ è succieso?!

D. Asdr. (c. s. ) Addò stongo?!

Pulc. ( come trasognato ) E ’a banca ’e danare?!

D. Pakgr. (c. s. ) E ’e duciente lire?!

D. Asdr. ( c. sj E ’e trentamila lire?!

Pulc. calmo ) È stato nu suonno.

© Asdrll ( ( S^UP^ ) «uonno?!

Pulc. Meglio eh’ è stato nu suonno. Lassamme sta cheste speculazione a chi ’e bò fa. La vera speculazione nosta e la vera banca fruttuaria, sapite quà è?... (avanzandosi al proscenio ed alludendo al pubblico ) è chesta bella audienza che, compatennece, nce frutta ’o mille pe ciento!.

Cala la tela.

Fine della Commediola allegorica

(1) Badino gli esecutori die questa scena deve i>rocedere non crescente celerità.