Paggena:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/319

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 297 —


SCENA VI.


detti e Assunta.


Assunta


(Uscendo sulla loggetta dice, al gruppo che parla in fondo sottovoce) Guè, state facenno suggità?... Chi veco! Furturella, Gnesella, e pure vuie, 'on Vito?... Bravo! Simmo tutte d''e nostre!

Vito


Me so' truvato a passà 'a cca, e me so fermato pe vedè addò ieva 'o Santissimo!

Forturella


(Ad Assunta) Assù, 'è visto?...

Assunta


È nu sparpetuo, Furturella mia!... Io sola saccio chello ca passa ogne notte chella povera 'onn'Amalia, ca p''a malatia d''o figlio s'ha levato anfino 'e chiuove d''a casa. (Scende nella via).

Vito


Povera femmena!... E isso, povero giovane che ha appezzato 'a pelle!...

Forturella


'On Vì, vuie 'o canusciveve?...