Paggena:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/302

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 280 —


SCENA VII.


Aniello solo


(Dopo un lungo silenzio, guarda attorno; s'alza e va all'inferriata per vedere se vede sua madre. Ritorna a sedere sul tavolato) Nisciuno!...

Canto a figliola (d. d)


Anielle, anielle!
A uno a uno tirete 'e capille!
Ietta lacreme 'e sanghe 'int''e cancelle!

Arena, arena!
Cerca perduono a mammeta luntana, e strafochete po' cu 'sta catena!...

(A questo punto, Aniello è preso dal pianto. Forti singhiozzi gli squarciano il petto. Grida con disperazione): Mammà! Mamma mia!... Perdoneme 'o schiaffe ca te dette!.....
(Cade in ginocchio piangendo dirottamente).

Canto a figliola (d. d.)


(Ricomincia più malinconico e va a perdersi in lontananza, a poco a poco)

Arena, arena!
Cerca perduono a mammeta luntana ...
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


FINE.


Napoli, 18 agosto 1894.