Paggena:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/273

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 251 —

pure vuie; doppo veve chi ce ha cacciate, e bevo pure io!... E bevo semp'io! (Cade sul tavolato).

Piantone


Ma chisto overo è na peròccola!

Gennaro


Peròccola siete lei, brigatiè! Basta, nun fa niente; vevite pure ('o Piantone esce).

Gennaro


Embè, che d'è, ve ne iate? Chesta è n'offesa! (A Salvatore) Pe favore, tenisseve nu sicario? (Salvatore gli offre la pipa) «No, questa me disturba; e poi v'ho pregato ca io so' nu galantommo. Voi per chi mi avete preso? Voi mi conoscete? »

Salvatore


'On Giesuè! durmite, si avite 'a durmì.

Gennaro


Ma io ve voglio dicere chi songo io... Sulo Linardo avrei potuto fare quello che ò fatto io mmano a Francisco! Eh, staie lustro! Ogne vota ca me vedeva 'o Re erano pezze!

Salvatore


Ma quale?... Chelle ca tiene 'o cazone?