Paggena:So muorto e m'hanno fatto tornà a nascere.djvu/32

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena tene nu prubblema.

— 32 —

songo lo tutore, farraggio voca fora, pecchè pe chelle refressiune che avimmo fatte poco nnante Petruccio, mettennose a la testa de xxxa fortuna, e addeventanno cchiù esperto de munno, songo sicuro che me cacciarrà, e io che campo ncoppa a li spalle soje...
Col. Jarrite a lo storno. Caspita, chesto non ve conviene, pecchè vuje volarriseve mastrià...
Mar. E io che addeventannole socra, volarria mastrià pur io, manco niente potria fà, pecchè chillo pure sarria capace de fà voca fora ch'è maretto...
Cal. Nonsignore, ccà non se ha da permettere; vuje D. Lucantò avite da seguità a tenè le mane in paste; tu Marià purzì ce ll'aje da mettere, e ncoppa a tutte, ce l'aggio da mettere io, io, che songo lo protettore vuosto, e... ma comme s'avarria de fà?
Mar. E che sacio... mo pe mo non sapria trovà no spediente, no... vi...
Cal. Si me ce mette io pe miezo e a botte de chianette, lo faccio acconsentì a chello che volimmo nuje... se, accossì va buono lo fatto...
Luc. Manco pe suonno. Co chesta via non se ne ricava niente. Io aggio fatto lo gran progetto. Io songo chillo, che aggio saputo mma nce stà no mezzo, lo quale mezzo, si vuje me sapite asseconnà, ce farrà arrivà pe na via nova all'intento nuosto, e avarrimmo voglia senza affennere nisciuno de mettere le mane dinto a lo bene de chella famiglia, che ve pozzo assicurá ca è assaje, ma assaje proprio co tutto lo core.
Mar. Nientomeno che chesto, e quanno è accossì, io ve prommetto, sempe pe bene de la casa, e pecchè lo cielo ce commanna de