Paggena:Opere inedite di varj autori - Tomo I (1789).djvu/224

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.


Ecroghe co la Georgeca. Loro responniette, io sò biecchio: mme manca lo tiempo: aggio li guaje mieje: no nc’è stato reparo, tanto m'hanno nsestuto, frusciato, e nzallanuto, che mme sò benute li frate da dinto ll’ossa pezzelle, e aggio tradotte ll’autre Ecroghe, e la Georgeca. Ora io mò aggio spalefecato lo fatto comme è ghiuto, non vorria, che qua ffuorfece mme refelasse lo jeppone, pocca confesso ’n prubbeco, che sta tradozejone è parto de li frate, li quale comme spassejano pe ccierte luoche, che non pejaceno a ccierte nase luonghe, e mmoscarielle, e o sternutano, o fanno li musse stuorte; a cchiste le ssuppreco, azzò se stiano zitto, ca io prego lo Cielo, che no le faccia patè sta nfermetate, pocca se a mme li frate fanno fkàvierze, a ciert’autre fanno fa brutte servizeje. Stateve buone, e in magnate forte, ment'io facennove ncrine, e lleverenzeje a ttommola, mme ve dedeco.

Vuosto
Napole i. Marzo 1789.
Ummele Settepanelle
Emeristo Liceate.