Paggena:Opere inedite di varj autori - Tomo I (1789).djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.


STANZE

DE

VELARDINIELLO(I).



(I) Non ſapremmo l’Autore di queſte Stanze, ſe il Corteſe nel Canto II. del ſuo Micco Paſſaro, inſieme col primo verſo, che quivi intero nella st. 13. traſcrive, non ce ne aveſſe conſervato il nome. L’antico MS. donde ſi ſono eſtratte, non ci dice nulla, e fu pura caſualità l’averlo incontrato nel Corteſe, che così nel luogo citato ſi esprime.

     Velardiniello po da chisto scette,
     Che fu Poeta, e facea ire a llava
     Li vierze, e chella Storia componette,
     Che fu tanto laudata, e tanto brava,
     Dove co stile arojeco nce dicette
   „ Cient’anne arreto, ch’era viva Vava;
     Co mill’autre Soniette, e Matrecale,
     A Napole laudanno, e li Casale.

     Op. Ined. T.I. A