Paggena:Opere inedite di varj autori - Tomo I (1789).djvu/10

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
vii
 

ne; si avotro non c’accörre, è lo diascance sia surdo, fuorze non mancarraggio de ve dà quarche avotra bella chelleta, da farevenne alliccà le ddeta, pocca già aggio mobistato chi la tene. Mo no stongo troppo de yena de chiacchiarejà, comme vuje fuorze manco de mme senti e ppecchè niente va fatto buono, quanno non se stà dommore, veniam petimusque domusque vicissim, ppasso nnante. Da llavotra parte li Torcoliere, che bonno dalo Cafa lloro, hanno pressa, Io po cche v aveva, e boleva di quarcosella de l’Auture ncoppa nnommenate, nne faccio a nimeno, tanto cchiù ca già sė chi songo, e non hanno abbesuogno ’n veretate mia de li ncommeje nuoste, si fama "super æthera volat: addonca scompimmola, é bona notte a li sonature, neramente mne ve arrequaquiglio. e mme sostano sanno STANDigitized by Googld