Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/88

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
82
eduardo scarpetta


SCENA II.

Bettina, poi Felice.

Bett. Povero Peppeniello! So’ tre ore che sta durmenno ncoppa a lu lettino mio.... Quanta cose m’ha cuntato!... Lu faceva sta senza cammisa, chell’assassina! Però, muntagne e muntagne nun se cunfrontene maie, e po’ essere che vene nu juorno che nce ncuntrammo n’auta vota, e putimmo fa li cume nuoste.
Fel. (comparisce in fondo alla scona mezzo brillo; Bettina lo vede e fa per andar via) Un momento, signora!.. Lasciatemi prima parlare, sentite prima la ragione, e poi fate quello che vi pare e piace.
Bett. Io nun pozzo sentore niente, pecchè vaco de pressa.
Fel. Io non debbo dire che poche parole, e voi le dovete sentire, perchè io le voglio dire. Ricordatevi che sono vostro marito!
Bett. Marito! (ridendo) Tu, marito?
Fel. Non ridete, signora, e sentitemi.
Bett. Ma justo mò vuo’ parla? Parlammo dimane, quanno haje panato lu sciampagna.
Fel. Io non ho bevuto, e non ho mangiato...
Bett. E nce pare!
Fel. Non ho fatto altro che piangere tutto il tempo della tavola... Ah!.. odoratemi il fiato.
Bett. Levete da lloco!
Fel. Tutto quello che vi dissero, cioè, che io sciupavo tutto con Luisella, la sarta, non era vero. Calunnie! calunnie!.. Ero stato due o tre volte in casa sua,