Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/111

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
105
miseria e nobiltà

Gaet. Meno male!... Allora sposatevi, e il cielo vi benedica! Finalmente! (abbraccia Gemma). j i ’ Papà, benedite anche a noi!... Io amo lacontesa, la con tessi na mi ama, e ci vogliamo sposare. t. Qua cun tessi na?!... Paciteme capi, chesta mò dii è? ì ’.\~c* È niia figlia. C.’nc. K io songo la mamma. Gaet. E bravo!.,. E tu comme te ne si’ nnammurato, tutto nzieme? Pup. lutto nzieme?!... Nuie facimmo Pammoreda nu mese e mmiezo!... Guò! oh!... Luig. Sissignore, papà, da tanto tempo! Gaet. Va bene, per il piacere che ho maritata mia figlia, vi sposerete anche voi. Pup. Che bella cosa!... Che bella cosa! Luto. Bellezza mia! (V abbraccia). Giac. L. Gaetà, scusate, e a me li cinche mesate chi me li ddà ì Gaet. Ve li ddò io! Giac. Va bene. Conc. Oh, che piacere! Pasc. Bravo, D. Gaetano! Fel. D. Gaetà, e io?... Gaet. A proposito. Vuie pecchè stiveve dint a la cammera de Bettina, e pecchè diciveve nfaccia a Peppeniello: «Figlio mio! tiglio mio!»? Fel. Pecchè a Bettina le so’ marito, e a Peppeniello le so’ padre. Bett. Sissignore, eccellenza! Simme state spartute