Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/104

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
98
eduardo scarpetta

eduakdo se a kpeti H , si calma... Aspettate, mò ve la porto.o stesso Signor Bebé, scusale se stasera non vi j6 retta, ma sono occupatissimo!... Vi presento

| principe di Casador.,. 1

., i (a Eugenio) Che!i;o’ tengo il marchese Ottavio Favetti... hy.’T. t ^ 0!.♦), (,.T j? )a contessa del Piede... Perciò abbiate pazienza !.. Pale voi, marchesi, fate voi le mie veci fa Felice) Mò ve la porto, mò ve la porto!., (m pel giardino). Ott. (ad Eugenio) Che’diavolo di pasticcio è questo?.. Il Principe, la principessa, la contessa!... Eug. (ridendo) Venite con me, e vi spiegherò tutto... Ci sarà da ridere a crepapelle!.. \ enite... (a l’elice) Caro zio!.. (ridendo) Fel. Addio, nipote feon grande sussiego), Eug. (suila porta) Caro zio! (ridendo) Ah, ah, ah! fvia pel fondo a sinistra). Fel. Oh! ride Y imbecille!.. Ott. (corre verso Felice, che indietreggia spaventato). Fel. (Me credeva che me zumpava ncuollo!) Ott. Signor principe di Casador! (ridendo) Fel. Addio, addio! (con sussiego) Ott. (sulla porta) Signor principe di Casador! (r^~ dendo ironicamente) Ah, ah, ah! (segue Eugeni0’ e via) Lel. (va verso la porta in fondo) Neh?.. Ma pecchè faje lu farenella!.. A te chi te cunosce!... (sulla porta) D, Eugè, D. Eugè!.. (chiamando) Mò che VL ne la principessa comme m’aggio da regulà? Guè -* Chillo nun me dà udienza!.. E che me ne mp°lta