Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/74

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 76 —

So paisano vuosto, e sempe maje
e vuje lo ffare e li nomme annorate
Io volette sentire, e mme mparaje.
Lasso lo ffele, e cose nzuccarate
Vaco cercanno, e songo apprommettute,
Ma abbesogna che scenno addò vuje state.
Si ll'arma toja ste ccarne 'ncespecute
Portarrà a lluongo, disse chillo tanno,
E si la grolia toja n'avrà salute;
Cortesie e bravura dì, si stanno
A lo paese nuosto, comme sole,
O songhe jute fora ntutto aguanno?
Nc'è Gugliermo Borziere ca se dole
Co nuje pe ppoco, e và co li compagne,
Ássaje nce affenne co le ssoje parole.
La gente nova e li fatte guadagne
Superbia senza fine ànno criata
Fiorenza a tte, che già mo tu ne chiagne.
Ccossì strellaje co la faccia aizata,
Li treje chesto sentenno pe risposta
Se ficero de pressa na guardata.
Si ll'autre bbote poco ccà te costa
Risposero, pe l'autre contentare
Viato a tte che parle a bella posta.
Mperò si da sti luoche staje a scappare
E tuorne po' a guardà le bbelle stelle,
Quanno a dicere: io fuje, te pò giovare;
De nuje parla a li ggente poverelle,
Rompettero la rota, ed a ffuire
Stettero comme avessero le scelle.
N'ammen non s'avria potuto dire
Priesto accossì comme fujeno sparute,
Ch'a lo Masto parette de partire.
Io jeva appriesso, e poco èramo jute
Ca d'acqua lo rummore era vicino,
Tanto ca nuje non èramo sentute.