Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/57

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 59 —

Ma nficca ll'uocchie appriesso, e la vollente
Caudara de sango guarda, e vide
De lo prossemo nuosto li violente.
Guarda l'ira che ffà, va te nne fide,
Ca si la vita toja tutto te 'mpatta,
Doppo la mala morte pò nce cride.
E na fossa io vedette ad arco fatta
Che llà tutto lo chiano attuorno abbraccia
Commo lo Masto aveva ditto esatta.
E ntra la riva e eessa a mme de faccia
Co le ssaette li Cientaure armate
Correvano si jessero a la caccia.
Vedenno a nuje, se stettero fermate,
Tre sulamente senza fa prijezza
Vedettemo co ll'arche allontanate.
Uno strellaje: a che 'nchesta bruttezza
De luoche vuje scennite, e a chesta costa?
Dicitelo, si no tiro la frezza.
Lo Masto mio dicette: La risposta
A Chirone la dammo a ttico appriesso,
Tu vaje sempe de pressa, a tutta posta.
Pò m'ammostaje, dicenno: Chillo è Nesso
Che morette, gnorsì, pe Dejanira,
E la vennetta la fice isso stesso.
E chillo mmiezo, che mpietto s'ammira,
È lo Chirone che crescette Achille;
Chill'autro è Folo, chino chino d'ira.
Ntuorno a lo fuosso vanno a mmille a mmille
Saittanno chell'aneme che stanno
Aizà la capo, o sulo li capille.
Vicino a chelle ffere jammo tanno:
Chirone llà co ll'arco e co la cocca
La varva da la vocca va scostanno.
Quanno se scommigliaje chella gran vocca,
Dicette a li compagne: state accuorte
Che chillo arreto move zzò che tocca!