Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/50

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 52 —

Le pparole e la pena 'nchella posta
D'isso m'aveano già ditto lo nomme,
Mperò fuje conchiudente la risposta.
De subbeto allungato, strellaje: Comme
Diciste avette, e che! non campa ancora?
Non vede luce cchiù nfra le ppalomme?
Non sentenno da me risposta allora
Doppo che pe no poco isso aspettaje,
Cadette a la supina, a n'ascì fora.
Ma chill'autro granne addò fermaje
Io llà miezo, restaje tale e quale,
Nè se movette affatto, nè chijaje.
E si chell'arta ànno mparata male
Continuanno me dicette a parte,
Chiù me trommenta, che sto lietto tale.
Appicciata cinquanta vote 'mparte
La faccia non sarrà de chi ccà regge,
Che, quanto pesa, tu sapraje chell'arte.
E si lo munno doce a te protegge,
Dimme, a che chillo popolo è birbante,
Che de li mieje va contro ogne legge?
E io lo fatto, dicette straziante
Che l'Arbia allora rossa essa facette,
Sta prejera fa fare a nuje ccà nnante.
E movenno la capo isso dicette
Sulo non fuje a chesto, e certamente
Co l'autre, senza fine, io me movette.
Ma io llà fuje, addove pe ntramente
Se voleva levare da Sciorenza
Chi l'aveva defesa apiertmente.
Io lo pregaje: de vuje non faccio senza,
Sciogliteme lo nudeco che à fatto
Mbrogliare assaje mo chesta mia sentenza.
Me pare che sentite nnitto nfatto
De lo ffoturo le llontane vuce
E a lo presente avite n'autro tatto.