Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/46

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 48 —

O vuje ch'avite li jodicie sane,
Guardate comme priesto s'annasconne
Chesta lottrina sotto a vierze strane.
E già veneva ncoppa de chell'onne
No fracasso de suono de spavento,
Che faceva tremmà tutte le sponne,
E fatto solamente da no viento
Forte pe tanta specie de calure
Che lo vuosco feresce a lo momento.
Li rame schianta, e fa cadè li sciure
E se jenche de porvere la farda,
E fa fujì le ffere e li pasture.
L'uocchie m'aprette, e me dicette: Guarda
Mo chella scumma antica addò s'atterra
Chillo fummo che a ascire maje non tarda,
E comm'a lle rranocchie lle fa guerra
La nnemmica, pe l'acqua tutte quante
Se nne vanno, e retornano a la terra.
Cchiù de mill'arme vedde nfra li chiante
Fuire nnanze a uno, ch'a lo passo
Passava Stige asciutto co le cchiante.
Da la faccia movea lo viento grasso,
Movenno la senistra nnanze spisso,
Facenno a chillo fatto no fracasso.
M'addonaje che n'Angiolo era chisso
Io guardaje lo Masto, che ordinaje
A me acalà la capo nnanze a isso:
Chìno d'arraggia attuorno isso guardaje
E llà na porta co na bacchettella
Aprette friddo friddo e non parlaje
Cacciata da lo Cielo gente fella
Sotto a la porta fice sta parlata,
Pecchè mò commannate a barda e a sella?
E contro a chella voglia mmalorata
Vaje e lo fine d'essa te dà 'mpaccio,
Mentre dolore accresco a meza strata?