Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/32

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
— 34 —

Paolo tremmanno a mme pure vasaje,
Galiotto fuje lo libro, che araprire
Cchiù non bolette, ch'anze lo jettaje.
Mentre che n'ombra steva chesto a dire
L'autra chiagneva, e non avette io tuorto
De fareme na sìmpeca venire
Cadenno comme cade cuorpo muorto!


CANTO SESTO
ARGOMIENTO
Se trova lo Poeta, quanno retorna 'nsè, dinto a lo terzo piano, addò se casticano li cannarute. La pena de chiste è de stare nchiatrate dinto a lo fango, e d'essere trommentate da grossissema tropeja mmescata co grannene. Cerbaro fa la guardia a lloro, e abbajanno co tre cannarune, continuamente li ncojeta e li batte. Nfra de chiste trova Ciaccio, e chiacchiareja co isso de Sciorenza e de li guaje suoje. A la fine se mette a cammenà pe scennere dinto a lo quarto piano.


La mente mme tornaje, che se nzerraje
Nnanz'a Francesca e Paolo cainate
Quanno la faccia mia se rattristaje.
Trommiente nuove, e nuove trommentate
Me veco attuorno, comme ch'io me movo,
O me guardo, o le spalle aggio votate.
Dinto a lo terzo piano io già me trovo
De l'aterna tropeja fredda e mmardetta,
Ch'a regolarse non fa niente nuovo.
E grannene, acqua lenta, e neva jetta
Pe ll'aria, che se sta sempe scurata,
E ffa fetì la terra che l'aspetta.
Cerbaro, fera cruda e mmalorata,
Ch'abbaja llà co tre buce, e l'arme scaria
Ncopp'a la gente che nce sta ncasciata.
Co ll'uocchie russe te fa sempe n'arta
Co ventre lario e ognuto co le mmane
Scortecanno li spìrete, li squarta.