Paggena:Flik e Flok - Luigi Campesi.djvu/13

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 13 —

— 13 —

Nic. E qua cosa meglio nce po sta a stu murino pe te fa scurdà tutte li guaje, nce sta meglio de no morzillo de nnammorata?

Giac. Haje ragione, sta bona, co tutta la miseria, s5 è fatta chiù simpatica.

Nic. Buono, ah, ah, ah. (con gioia)

Sceaa fili.

Celestina e Giovanni prima dentro poi fuori e DETTI

Celes. (di dejitro) Haje capito, non te sta tre ore mo, siccomme a lu soleto tujo.

Giov. (fuori) Gnernò, basta sulo che me comannate vuje che io corro comme a na saetta. Che non farria pe buje. (goffamente vezzeggiandosi).

Celes. Vattentie a la mmalora* quanto si brutto. (gli dà ima spinta, Giov. barcolla, e si trova di faccia a Nicola)

Nic. Mannaggia l’arma de mammeta!

Giov. E de patete! E già mo capesco pecchè sta signurina me maltratta, si turnato lu, ave da fa n’auta vota li gatte felippe cu te.

Celes. A chi? non fa che crepate tutte e duje; gnorsi, pare che fra me e sto galantommo nce sta quacche cosa.

Nic. Comme? e lo bene?

Giac. Essa te n’ave da volè a forza, pecchè si tu. aje tentato de fa fortuna, è stato pe procuri, na commota posizione a essa, non ce si riuscito, pacienza, lassammo fa a lu cielo.

Celes. Quanno èaccussi, io torno a Tammore tujo, e ogne stizza che teneva cu te, è già fernuta.

Nio. Stella de stu core!

Celes. Sciurillo de st5 arma!

Nic. Luce de chist’ uocchie!