Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/5

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
5

vita toìa, te pare jodicio a no impedì l’armamiento de lu puopolo, e l’azzuffarese co la Truppa? Comme tiene cchiù la furia de nu puopul’armato! T’allecuorde lu novantanove a Napole?

Seb. E nc’è besuogno de st’assempio lloco? Dapettutto, e sempe lu puopulo è stato de nu muodo: Abbesognante de saperelo manià, e lo truve comme lo ffaie o fetente, o adderuso. Se sape, ca l’ommo nfuriato è la bestia cchiù feroce de lo munno: Dalle la forza mmano mmiez’a la furia, e bì che trona te mena Marzo; Va tiene cchiù lu carro a la scesa! Ora sperammo a lu Cielo ca tutto fenesca priesto: o co le bone, o co le cattive li Palermetane s’hanno d’agguatTà, pocca nn’ann’avuto soccurso nì dint' a la Secilia, nì da fora.

C. de N. E chi se bolea mettere a defenne na caosa sballata? Oie le Ppotenzie hanno canosciuto, ca s’hanno da guardà, e respettà tutte nfra de lloro, e pe se mantenere stabele, e npace, nn’hanno da fomentà, ni sostenere chille, ca se rebellano contro li Rrì, e le Naziune.

Seb. Addonca non sarrà bero, ca l’Au-