Paggena:Canzone e Ariette nove.djvu/60

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
50
lassammo fa’ dio…


Erano ’e ddiece e mmeza
     e ’a jurnata era bella. A mille a mille
     passìaveno ’e ggente
     pe mmiez’ ’a strata e ncopp’ ’e marciappiede;
     e vedive mmiscate
     femmene, uommene, gruosse e piccerille,
     nutricce, serve, prìevete e surdate…

«Oh, qual vista gentile!
     (dicette ’o Pateterno
     pusanno ’o cucchiarino)
     Ma com’è che si dice,
     caro quel mio Pierino,
     che la Terra è infelice?
Ma guarda, guarda un po’ che movimento,
     che scena pittoresca e che allegria!
     Via, son proprio contento!…
     Be’?… Pietro?… E parla, vecchio brontolone!
     Non sei della mia stessa opinione?»

«Sì — rispunnette ’o viecchio — E opera vosta
     è certamente tutta chesta ccà:
     certo: chi ’o ppo’ negà?…
     Però… Vi siete presa ’a limunata?…>