Paggena:Altavilla - No finto casamia.djvu/10

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 10 —

proprie mani. ( lo stringe alla gola ) vi darò giusta pruova del- mio inevitabile risentimento. ( via per la porta d’ entrata)

Bra. Misericordia! m’ ha acciso... eh 1 eh 1 eh! ( tossendo )

Pan. Oh! mo esce Io 37 vi. mo che se ne sta vedenno 1’ effetto. Ah, ah, ah!

Bra. D. Paogrà, tu ride e cchiilo veramente me strafocava.

Pan. E ssa che bello vigiiettiello die rame facive fà: 69 lo signore nobele, 36 lo po8tiero, e 14 la foca ncanna.

Bra. Nnzomma tu me vuò senti, ogg’è Ssabato e io aggio da cheSà assaje. Li simpatice mieje so l17 e 39.

Pan. Che 17, 17 è ffigura d’ otto, sta vota corre la figura de quatto.

Bra. Gnernò,’ corre la figura d’ otto.

Pan. E echi te lo cconferma?

Bra. Lo Cancro...

Pan. Che te ròseca... Branco, corre la figura de quatto, Tauro e Mercurio se fanno senti.

Bra. Si non fusse tu mo, sa quante nne diciarria! Rolilio e Barbanera...

Pan. Che Rrotilio e Barbanera... quanno maje sti duje se so ntricaie de nummere? chiste se nlricano de li dolure ncuorpo che afferrano a 1’ almosfero.

Bra. Uh! uh! che bonora staje dicenno! e li gabale stampate?

Putì. Che aggio abbestiogno de li gabale t io cacciò li nummere da li mrautaziune de ll’aria: ecco cca, ll’ auto juorno era «eerooco e io caccile 29; ogg’ è biento de terra e io caccio’ 16.-