Paggena:Altavilla - Na cena a la cantina siciliana.djvu/75

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 75 —

Snlernft ’ e’.questv orologio èstato cfa lui(ubato.

Lui. (So ramuorto!) (fugge)

Ros. Misericordia! ’

Pan. Sorè., cento’ di questi giorni.

Ans. Sì ifojuto? e abbascio la guardia te sta aspettano©.

Fil. (a voce alta) Tommaso t Tommaso».

Tom. (comparisce) Còmmannate.

Fil. (afferrandolo per petto) Taintrodticèsli in famiglia il contino? •

Tom. Sissignore.

Fil. Ed eccoli il guiderdone. (/0 accompagna fuori a.forM di calci)

Ros. tJh! coprite... corritele apprfe&so... li jnille ducate che...

Gia. Piano 9 la fede 41 credilo eccola prèsso il me.

Eli. E lleoitevella, perchè chesta farrà acquista echiù credito a lo core de zìeina si adempisce-ala. volontà de la bonaFma de lo mgfitOv Avite avuto Ja dote?. e cchesta ò la mano mia. (porgendogliela)

Gia. E vostro padre? ».

Pan. (soddisfattissimo) Si vuò lu mano mia 9 pure te la domco.

Ros. (tra sè) (MrtieJ’ hanno fatta enoo aggio che rrisponnere!) (con forzato sorriso) Ebbiva r ebbiva! sla mprovisata mme farrà ngrassà n’ auto ttanlo.

Pan. Te lo ddico io, n’ aula mprovisata de chesta te fa.fà l\urdema campagnata a Poggioriale.

Ros. Gomme sì cciuccio! e ppe te fa vede che ito allegra, alò! musica.