Paggena:Altavilla - Lo mbruoglio pe na tabbacchera.djvu/46

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 46 —

Rom. (tra sè) (Quanti odori, ora svengo!.. Uh I (fissando Trambellino) Fortuna per me! è qui il mio futuro genero...) Caro 0. Trambellino.

Tra. (avvicinandosi) Amabilissimo mio suocero.

Rom. Avete cenato?

Tra. No.

Rom. Ceneremo assieme?

Tra. Come volete, (tra sè) (Ho trovato chi paga per me!) Ehi, preparate per due. (Scioli si occupa a servirli.

Rom. f « Am.) No, è ttutto inutile, io nn’aggio da vedè lo «costrutto, li boglio piglià a schiatte. ’’

Pan. Aspetta, còti ddinto non conreoe fe 14 chiàcchiere.

Sgi. (a Rom. e Tram.) Favorite. (invitandoli a sedere)

Pul. (tra sè) 0 è l’arraggia o che; io mme , sento cchiù appetito de primmo.

Pan. (a Rin.) Siente a mme, facìmmoce paria D. Trambellino. ’

Pul. Sì sì. (tra sè) (Accossì mrti’ ’assetto à ttavola e mme magno la porzione de li. Franfellicco.)

Rin. Don Trambellì?... (avvicinandosi allo stesso)

Tra. Che cosa volete? ~

Rin. 0 t’accierte tu si chella è ssorema e la figlia de Pangraziq; ’Q faccio io no quarto cca ddinto. (Sóioli porta le vivande, e Romualdo, mangia)

Pul. (guardando Romualdo Jra sè) (Chillo accommenza a mmagnà e io ascevqlesco!)