Paggena:Altavilla - Li duje segretiste.djvu/80

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 80 —

Mar. (con tuòno dolente) La mano mia, la mano npia dev’esser tua? *

Ans. (a Ber.) Co cche p/)W0/0.*.co cche piacere tè ll’h& ditto.

Ber. Piacere! mo il’esòe lo spireto.

Mar. Ah ah ah!... (amorosa) ma lu tettilo mio, vuò bene a mme?

Ber. (Oh! mo è acconciolella, vi. Gnorsi io ve voglio bene ma...

Mar. E tte va a genio la faccia mia?

Ber. Gnorsi.

Mar. E mme vuò essere marito?

Ber. Gnorsi.

Mar. (fingendo eccessivo furore) Ahsforcato, imbecille, melenzo...

Ans. (c.s.) Po., porco., frante##,.tra., tracotante.

Ber. (tra sè) Meglio! è ghiuto mpazzìa pure sto scorpione.

Mar. E come puoi amare Agata se Martella ti vid de e s’iunamorò di te: mio padre conoscendo la tua bellezza ricchezza e ccapezza; ha consigliata alla figlia di amarti... e tu non ne vuò sapè niente f.. briccone, briccone! guardk lamia faccia comme s’ è fatta pallida... senti il mio cuore come fa tiriiic—tiri-, toc—tiritele... ah caro mio! muovete a compassione de me; tè pigliate sta qoano.

Ber. Comme!..

Mar. (inginocchiandosi) Pigliate,sta mano.

Ber. Ma...

Ans. (inginocchiandosi) Pigliate sta marmit pigliate sta mano...

Ber. (inginocchiandosi nel mezzo) Cheste so le c bere lemmòsene!.. cca che mme ssuccieso... tu vuò la mano? e ppigliatelia (ca mo mme la scappo,) (gliela porge)