Paggena:Altavilla - La folla pe lu ppane francese.djvu/67

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 67 —

veccia imprudente che zè vegnuda a disturbare la nostra pase?

Gir. Oh perdonate, è una donna ificondudente.

Ann. 0 non la zè mica, una barona el deve dir, la zè una briccona...

Mad. Briccona! cattiva* e cattiva in tutte le forme. Una giovane onesta vien cimentata nella sua propria casa? oh / morblà /•... e cosi si rispetta una forestiera? io sono stata col mio sposo in Londra e ci hanno ricevuti con garbalezza, in Milano, in Genova, in Livorno, e sempre ben voluti, sempre bene accolti... ora ho dovuto sentire queste parolacce... che male ho fatto? che ingiurie ho profferito? perchè qnesta signora si è condotta ad oltraggiarmi nel magazzino? a minacciarmi /,.. Une onet fam utrasgee an public? EU man randrà compt,ellmanrandràcompt. (con tutta forza)

Gir. (entusiasmato de' detti di madama replica

. con tuttaforza) Qui eli... man... qui eli... man... (non so che diavolo abbia detto /) madama ammazzatemi, schiaffeggiatemi, fatemi ciò che volete... sisì, l'accetto con piacere: voi ne avete gran ragione, ma compatite le sua stravaganza.

Ann. No no stravaganza, furfantada, furfantada, perchè aveva zelosia di quell’ asino de so mario... oh/ la veda un po, se madamigella Scevar...

Gir. Che!!! madamigella Scevar / (corpo d* uft

. briose! quella fanciulla che...) fa Monsieur) Signore ditemi la verità, quando la sposaste era viva?...

Mon. Come?...

Gir. Voglio dire la sua genitrice era viva?