Paggena:Altavilla - Arrivo de Pulecenella a Casalenuovo.djvu/74

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 74 —

-M

Pan. Scasata me f che ncanno...che assassinio é cchisto?

Cic. Assassinio! vi addò vaje co lo carro: rasassimo l’è fatto tu a sta povera bardassia; haje avuto Io spireto de cacciarla mmiezo a la via, quatìao t’è naepota carnale e la mamma soja, bonanna, te eoaziguaje 300 ducale che sservevano pe la dote soja.

Pan. Noa è lo vero, noa è lo vero.

Cic. Comme non è lo vero!.. rispunae tu Rosella Ros. Che aggio da risponnere... saccio solamente ca in’è zzia, Ile vaso li mmaue, e He cerco i perduouo de sto ncanno che Ji’ aviuimo fatto. —

Cic. (a Pan.) Sciù f a la faccia toja; vi che nnepote nn’ avive Cacciata.

Pan. (Aulì! ch’ arraggia che mme sento!)

Mar. Si Pantò, brevis Arazio: vi ca tutto Io vicenato sape chello che ht\je fatto a nnepoteta e ognuno s’è sbracciato pe fifarla contenta. Si tu Ile vaje conira, sarrà peggio pe tte, perchè chiste so già marito e mmogiiera e ttu non It’ haje che Ile fa manco no ttèccheto.

Cic. Vedile, vedile Io figlio vuosto, Io si Pulicenella, ch’è ommo judiziuso...

Pul. (con furore) Che pparle Hi de Pulicenella?.. che baje contanno de PuliceneUa/> sto pàccaro che mm’ avite dato s'ha dda vennecà... e nchisto momento io voglio... a pproposito, chiste so già marito e mraogiiera che nce faccio, na pezz’ arza? (unendo le mani di Luisella ed Errico) Sa