Paggena:Tre banche a 'o treciento pe mille - Antonio Petito.djvu/9

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 9 —

Ebbiva l’arma de’ mamme voste dint’ ’e pezzentune che site.

Pulc. È venuta r apertura della nuova banca.

Annar. ( ad Antuono rimproverandolo) E tu ’ato, babbasone scommunecato, senz’ anema e senza iudicio, a parte de penzà ’a cantina e all* affare tuoie, te ne viene ccà dinto? Chili’ è benuto ’o vaticaro pe chella compra de vino. Tu nun tenive denaro; m; aie mpignate ’e rusette e i lazziette. ’E denare addò stanne?... ’a robba mia addò stà?

Ant. ( con persuasiva per calmarla ) Dimane ’a spigno e pavo pure ’o vatecaro.

D. Pangr. ( ironico ) Bello principio per tutelare il debito pubblico!

Annar. Tu c’ arma de mammeta t" he miso ncapo? Ah, te pienze ca nun aggio appurato ca vuò arapì na banca? Te voglio arapì ’a capa a te a a chi t’ ha mbuttuaato.

Pulc. (ad Annarella) Se volete sapere chi è stato, ve lo presento io (indicandole D. Asdrubale) Eccolo ccà.

D. Asdr. (preoccupilo, piano a. Pulcinella) All’arma d3 mammeta!

Annar (a D. Asdrubale, apostrofandolo) Guè, scungigiio, strùmmolo a tre pizze, lampione a grasso...

Pulc. ( interrompendola, a D. Asdjrnbale ) Chi apre una banca ha bisogno di cfualche titolo; adesso lo avete avuto.

D. Pangr. Eh.. questa è da ridere.

Ant. (ad Annarella) Tu si femmena e nun te ne rentienne.

Annar (ancora adirata, ad Antuono) Nun me ne rentengo?!... Vattè, scommunecato. Che, ’a eummara, Barbara,... cheli’ è na santa re Ila, è na bona bizzoca e santa femmena, e chesto m’ ha ditto, che chi fa sti ccose è scommunecato e che nun trova requie a nisciuna parte.

Pulc. Nc’ è nu luogo; o in Isvizzera o in America.

Annar. ( minacciosa, ad Antuono ) Cammina a la cantina e nun mme fà caccià ’o cortelluccio.

D. Pangr. ( con gravità, ad Antuono ) Andate non ci compromettete.

Pulc. (ad Antuono e ad Annarella ) La prego, signori; la casa è in società ma, per dormire, non per ricevere cortellucci in corpo.

D. Asdr. (c. s.) Iatevenne. (piano ad Antuono) Nce vediti! mo dimane.