Paggena:Tre banche a 'o treciento pe mille - Antonio Petito.djvu/7

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 7 —

D. Asdr ( soggiungendo ) Corae rimedii?

Pulc. Metto in prattica i giuochi fìsici e meccanici: sparisco e non comparisco più.

D. Asdr. Bella cosa 1 Se io faccio la, specoiazione metto la cascia piena.

D. Pangr. Ma che qualità de cascia?

Pulc. Po essere pure ’a cascia d’ ’o ttorrone.

SCENA III.

Antuono e Detti.

Ant. ( comparendo dalVingresso ) È permesso?

D. Asdr. ( compiaciuto, vedendo Antuono) Guè, Ntuò, sei tu?

Ant. ( allegro,^ D. Asdrubale ) Signò, so io. D. Asdrù, l’affare se po fà e nce guadagno certo senza perdere maie. Quattemilia livere so leste. Io aveva fà na compra ’e vino; nun ’a faccio e, an nascoso ’e muglierema, mettimme na cascia fruttuaria. ’A cantina che tengo aperta nce faccio stà a mugiierema, e io mme metto nfaccia ’a cascetta.

Pulc. ( ad Antuouo ) Che volete fare il poli zzasti vali?

D. Pangr. (c. s. ) Bestia. si dice il decretore.

Ant. ( offeso, a D. Pangrazio e a Pulcinella ) Io nun aggio fatto maie ’o pulezzastivale nè ’o fravecatore. Miei sigilo, vi avviso che io song’ ommo che irieza parola ca non mme capacita nforno e zitto.

Pulc. Fate pure ’o pizzaiuolo?

D. Asdr. (a D. Pangrazio e a Pulcinella) Nè, signori miei costui è persona mia, e nu poco de rispetto. Oh catterai

Ant. ( con braveria) Vulite che scioicio?

Pulc. Nei à pigliate po polvere.

D. Pangr. 0 pe felmee.

D. Asdr. (ad Antmno) nuh te movere. Veniamo a noi: hai affittato 1’ appartamento?

Ant. Sicuro; a ’o vico Tofa: doie stanze ammobigliate, senza liette. cu na bella scrivania. E baie avite fatto stampà ’e manifeste e i tallune?

Pulc. Che fate ’ e cazette?

Ant. (con rimprovero a Pulcinella) E da capo?!

D. Pangr. (a D. Asdrubale) Nzomma, aviveve tutto combinato. senza farmi saper niente.

D. Asdr. E.che vuoi? Chi tene povere che spara.

Pulc. ( c. s.) Noi metteremo la polvere e voi ci servirete da cannone.