Paggena:Tre banche a 'o treciento pe mille - Antonio Petito.djvu/6

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 6 —

se ne cade da coppa all’ albero e che frutta cchiù? na cuorno. Ma invece io ho trovato il modo di far figliare la moneta e dare la moneta e dare pur’ io il mille per cento.

D. Asdr. E come?!

Pulc. Unisco un cinque centesimi cu na cincograna antica, 3i metto uniti, chiusi, per nove mesi; da chille che mme danno ’o denaro a ’o ciento pe ciento io piglio sempre sei mesi di tempo; ncape a nove mise trovo tutte ’e cincorane figliate iè quali, per dovere di madre, maritano le cincoranelle figliate coi centesimi; la famiglia s’ingrossa e così pago pure il mille per cento.

D. Asdr. Tu che diavolo dici? Come è possibile?

D. Pangr. Pangrazio è algebrista e vede impossibile quel lo che dici.

Pulc. Cliiammate a ’o primmo commerciante, a ’o primmo speculatore, e vedete se questa speculazione non si può fare che solo in questo modo e non altro.

D. Pangr. (a D. Asdrubale) Dunque, a quanto pare, tu vuoi aprire una banca?

Pulc. D’ acquaiuolo.

D. Asdr. (a D. Pangrazio) Fruttuaria? Come m’hai prevenuto?

D. Pangr. ( con espediente) Dunque era pure questa la tua idea? Io ci avevo fatto uno studio da otto giorni, e voi volete scombinarmi?! ( con minaccia ) La vedremo, la vedremo.

D. Asdr. ( sprezzante ) Straccioni; senza mezzi come farete?

D. Pangr. Chesto mme 1’ aggio da vedè io.

Pulc. (con sprezzo, a D. Asdrubale) Vi sta bestia!... dice, come farete? E nce vò tanto. Na bancarella s’ affitta c’ ’a credenza; ’o stampatore che te fa ’e manifeste e i piccoli talloncini; pe carte e Caiani are vaie a qualche officina inutilizzata e te le faie dà. Denare non nce ne vonno perchè, per esempio: Apri la banca?... vene ’o primmo e te porta cincuciente lire?... ’o nteresse 1’aie da pavà ncapo de nu mese. Embè, tu, pe essere puntuale, ’o nteresse da Ila ncoppa ’o llieve e, ’oriestof’o sfezìe. Vene n’ ato? faie ’o stesso. Vene ’a fine ’o mese? paghe ’o nteresse, Venene ’e frische a metterce 1’ ati denare? tu lieve ’o nteresse de chille e de chili’ate e ’o riesto t’ ’o sfezie, e accussi...

D. Pangr. ( interrompendo ) Arrivi che 1’ esito supera l’introito; e come fai?