Paggena:Tre banche a 'o treciento pe mille - Antonio Petito.djvu/4

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 4 —

e non ’o diece pe ciento; che così non aveva nemmeno bisogno de fa cause. Eh!... che se stesse attiento che nun avesse da fa una causa e bona! Auf, e quanto è penoso a stà c’ ’a panza vacante!

SCENA II.

D. Pangrazio, Pulcinella e Detto

D. Pangr. (comparendo dalla porta d’ingresso, seguito da Pulcinella, a costui) Tu si nu ridicolo.

Pulc. (a D. Pangrazio) Tu si na bestia, ed io te l’ho fatto vedere coi fatti.

D. Asdr. (fra se, alludendo a D. Pangrazio e ’a Pulcinella) Ecco i due miei colleghi più disperati di me. (a D. Pangrazio e a Pulcinella) Cari ospiti, che avete?

Pulc. (a D. Asdrubale) Sarraie nu rospo tu che n’aie la figura e la faccia.

D. Asdr. Non principiare con gl’insulti. Ch’è stato?

D. Pangr. (a D. Asdrubale, alludendo a Pulcinella) Sta bestia se vò mettere cu me a parlare d1 algebra. (con presunzione) A me, capo-contabile, che, te spacco un milione in ottantamila centesimi a testa, senza sbagliare un millesimo.

Pulc. Ma io ti ho convinto con le prove, e con la via dei fatti, e senza tavola Pitagorica.

D. Pangr. (ironico) ’O ssaccio, con alluparte tutto cosa tu. (a D. Asdrubale) Devi sapere che, stavamo fermati, io e lui, vicino a Giovanni ’o zeppolaiuolo...

D. Asdr. (interrompendolo) Lo sò; ora cliente mio.

Pulc. (all'indirizzo di D. Asdrubale) E pò nce s’ appiccecaie pecchè, Giuvanne, na sera, l’aveva pigliato pe battilocchio e ’o vuleva vutta dint’ ’a tiella.

D. Pangr. (proseguendo, a D. Asdrubale) Dunque, come ti dicevo, steveme fermate, io e lui, vicino ’a Giovanni ’o zeppolaiuolo ’o quale s’appiccecava co no farenaro che non se truvava cu nu cunto ’e fiore, e se stevene piglianne a mmane. Mi sono messo per mezzo; ho fatto i conti; ’o farenaro s’è truvato, ed è finita la questione. Giovanni m’ ha ringraziato e m’ ha regalato otto scagliuozzole dint’ a na carta, e l’ aggio data mmano ’a isso...

Pulc. (interrompendolo) P’ ’a via, nce simme cuntrastate, pecchè io ostinava che ’o cunto c’ aveva fatto a ’o farenaro era fauzo e c’ aveva fracoliato a chillo pover’ommo.