Paggena:Tre banche a 'o treciento pe mille - Antonio Petito.djvu/3

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

ATTO UNICO

Camera terranea meschinamente arredata appartenente a D. Asdrubale. In fondo, nel mezzo, porta d’ingresso chiusa; a destra, piccola alcova dentro la quale, a terra, un pagliericcio con lenzuolo, coltre e guanciale; a sinistra un tavolino su cui una calamariera di creta, penne, carte e libri. Una piccola mensola di legno sulla quale una candela di creta ad olio ed un pacchetto di zolfanelli, attaccata alla parete di sinistra. Sedie. La scena è al buio.

SCENA I.

D. Asdrubale solo

D. Asdr. (al levarsi la tela, apre dal di dentro la porta e, avanzandosi cautamente a tentoni indi soffermandosi:) Ecco il mio reale albergo tapezzato di felinee e dipinto a fumo ’e cannela!… situato a mezzogiorno, con un’aria così pura e chiara che, a mieziuorno, si se perde na cosa l’aggia ì truvanne c’ ’a cannela! Eppure non dovrebbe essere così! Io, avvocato civile e criminale, m’aggio da murì ’e famme perchè la sorte mi perseguita! Quante cause aggio fatto tante n’aggio perze, e, quante volte sono andato ad arringare, i giudici ed il presidente se so mettute a ridere, vedendo la mia infelice figura ed il mio risplendente lampione[1]. Eh!… n’aggio mettuto misture ncapo pe fa crescere ’e capille! Niente… invece di crescerli se ne so fenute ’e cadè. (pian piano, a tentoni, si accosta alla mensola ne toglie il pacchetto di zolfanelli ed accende la candela indi, passeggiando e soffermandosi di tratto in tratto, osserva:) Tenevo n’ausuraro che deva ’e denare c’’o nteresse e, quanno non era pagato, gli facevo io le cause e lucravo bene, perchè erano più quelli che non pagavano che quelli che pagavano. Eppure questo mi è mancato!.. non ha voluto più dare denari con l’interesse… s’ha ritirato tutta ’a somma e l’ha niettuta sopra ad una de cheste banche, fruttuarie, dicenneme che là lle rendeva ’o ciento pe ciento
  1. Allude alla propria calvizie.