Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/51

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 46 —

— 40 —
< )jo n»\ ll0 >;!<•<’" già de mazzate
Ncopp’;t lo spalle senti* assommù: *
Ah ! rnrnano all’urzo simruo nc;ippat0
Sin jk* le gradc, saglie papà !
TV lo diceva, e tu ncocciosa
Si stata a dirme, iT ave appaura...
Mo die de fujere cchiù non è cosa,
Aje ! de lo cuorio chi nV assicura?
Io saccio a pateto, quanno se ni pesta
Cornine le minane sape mena.
Ah ! che già ncuollo m’è la tempesta,
Sta pe le grade... saglie papà!
lastenimarria chillo momento,
Che lloco dinto mme so inpizzato.
Diut’a le bene cchiù non ine*sento
N’onza de sango... se n’ è squagliato!
No tremmoiiccio pe dint’ fi l’ossa
Allerta rejere cchiù non me fa.
Si non bolite piglià sta scossa,
Figliù, guardateve da li papà !
PSH JkkflEM
BIZZARRIA
Non per fama di gloria o per desio
D’esser chiamato figlio delle Muse,
La qual cosa vuol dire a parer mio
( Facendo ai vati le dovute scuse )