Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/31

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 26 —


Lo Parteto d’Ammore!

CANZONE NAPOLETANA

Non ce so ciance, non ce so squase,
Pierde lo tiempo, Nennè, co mmico;
Stipa a quaccauto squasille e vase,
Ma pe me, sienteme, guè, vota vico!
Aggio le femmene scopierto a ramma,
Non me farraggio cchiù coffià.
Diceano buono vavone e mamma:
Si vide femmene, dille sciò llà.

Hanno le femmene mpietto no core
Che vota e gira comm’a bannera,
Ogge co chisto fanno a l’ammore,
Bene a chist’auto vonno stasera!
E la promessa, lo juramiento,
Comm’a la muvola che neielo sta;
Ca si pe poco soscia lo viento
La vide subeto nn’aria squaglià!

Ahi! poveriello chillo scasato,
Che da na nenna se fa ncappare!
Non le rest’auto che disperato,
Vestuto e buono jettarse a mmare.
Songo le femmene pasta de nganno,
Senza coscienza, senza piatà.
Che cosa è ammore no no lo sanno,
Ma sanno sulo comme ngannà.

Donca governate, nennella mia,
Sbagliato ntunno aje lo portone;
Mena la rezza pe n’auta via,
Si vuò ncappare quacche piccione.