Paggena:Opere edite ed inedite di Luigi Coppola.djvu/10

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 5 —

di lulto generale in Italia, non solo i>er coloro
clic lo conobbero personalmente, ma per quanti aveano trovato nei suoi articoli, nei suoi versi, un sollievo, un eccitamento ad ilarità fra
mezzo alle tristezze della vita, ed in ispecialità
in Roma, Torino, Firenze, Napoli, fu compianto
unanimamente, uè vi fu giornale che non parlasse di lui.
E si pianse lo scrittore, si pianse il poeta, si
pianse l’uomo, c nell’uomo le più belle qualità
di mente e di cuore. Mite, benigno, sereno,
gentile, affabile, senza ombra di orgoglio,quasi
inconsapevole del proprio valore, in lui la modestia non era mai ostentata, ma connaturale.
La sua facezia arguta non avea punta; e se
pungeva il vizio, se spandeva il ridicolo sugli
umani difetti, non trafiggeva mai l’individuo.
Avrebbe potuto essere un redivivo Giusti;
ma l’aoimo suo amorevole e contemperato a
benevolenza lo rese invece un secondo Guadagnoli, che forse superò il primo.
Emmanuele fiocco