Paggena:Miseria e nobiltà.djvu/15

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
miseria e nobiltà

Pup. (a Giacchino) A la faccia vosta!
Giac. A la faccia toia e de mammeta!
Conc. Tu pe tramente, Pupe, miette la caudara, e fa vollere l’acqua.
Pup. Si, si, mò faccio lesto lesto (via dalla prima quinta a sinistra).
Conc. (si mette il cappello, e si butta sulle spalle lo scialle rappezzato che trovasi in iscena). Permettete, D. Giacchi'! (via pel fondo).
Giac. Fate, fate. Mamma mia, che gente, che disperazione!... E chiste comme me li danno ciente e diece lire?... Eh, comme me li danno?... E a me che me ne preme, nce hanno da pensà lloro, si no pe la fine de stu mese le inanno sequestro e sfratto!... Vide ccà!... Li segge spagliate, na caccavella ncoppa a lu comò, nu vacile pe terra... Gente sguaiata! gente sguaiata!...


SCENA III.

Luigino, e detto, poi Pupella.

Luig. (di dentro). È permesso, bellezza mia?
Giac. Chi è? Favorite.
Luig. (fuori) Oh! chi vedo! D. Giacchino! E voi come state qua, bellezza mia?
Giac. So’ venuto perchè avanzo cinque mesate da due galantuomini che se fittarono stu quartino mio; e vuje che ghiate facenno da chesti parte?
Luig. Lo volete sapere? E io ve lo dico, bellezza mia, ma basta che non dite niente a nessuno, e specialmente a papà, bellezza mia!