Paggena:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/6

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.

— 8 —

Gentile, Torrigiano de' Cerchi, Guido Cavalcante, Baschieri della Tosa e Baldinaccio Adimari.
Dante, doppo poche autre iuorne da che succedette sto fatto, fuie mannato come Ammasciatore a lo Papa, e vedenno che ghiennosenne isso da la cità le ccose restavano tutto combussolate, dicette, credenno de non essere sentuto:

Se io resto chi va? Se io vaco chi resta?

pecchè li compagne suoi le facettero ntennere ca senza d'isso la reprubbeca sarria stata arroinata.
Tornato dint'a la cità Corso Donati, se formaie no tale partito, che accoppaie Dante, e lo mmannaie asiliato, comme iusto aveva fatto co isso, e nzieme co Dante fuieno asiliate tante e tant'autre, e fuieno porzì sequestrate li bene lloro.
Ora avenno Dante tentato tutte le bìe pe mettere pace nfra li nemmice suoie, e vedenno a la fine che non ne cacciava niente, ca chille erano chiù tuoste de lo cuorno, fucete comm'a lo cuorno, stuorte comm'a lo cuorno, s'aunette co l'autre asiliate, e fatto Capitanio a no cierto Alisantro Conte de Romena, tentaieno de tornà a Sciorenza pe forza; ma non succedenno chello che lloro s'avevano miso ncapo, se ne tornaieno arreto, e Dante fuie ricevuto da Can Granda della Scala, signore de Verona. Dante nce fuie amato, riverito, e stimato, e isso nce lassaie la discennenzia soja, la quale non se chiammaie cchiù Aldighieri, ma Dante, quale famiglia de Dante a tiempe nuoste non à restato cchiù nisciuno discennente.
Ntramente dante steva asiliato a Verona screvette cchiù vote a Sciorenza ne poterece tornà, ma vedenno che manco ne cacciava niente se ne iette a Parigge, addove, co tutto che steva sfasulato, accommenzaie a ddà leziune de felosofia e de tiologia, e ntramente ca isso co cheste leziune faceva meraviglia, passanno