Paggena:Circo equestre Sgueglia - Raffaele Viviani - 10 commedie.pdf/10

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chesta paggena è stata leggiuta.
64

Raffaele Viviani


Roberto (con tono di scusa) — E chella, mo, ’a capa[1]

Carletto (a Bagonghi, che appare mortificato per quanto è accaduto) — Oh… ma comme s’ha dda fa’ cu ’a mugliera vosta…?

Bagonghi (a Bettina, uscendo fuori dai gangheri) — Ma comme… io aggio ammaistrato cane, gatte, sùrice[2] e pùlice[3], e nun so’ stato buono a te ’mpara’[4] ca nun he ’arapi’[5] ’a vocca[6]?!

Bettina (acida) — Ma che aggiu ditto? (Indisponente) Quello, mo, Don Roberto tiene il nervo teso… (Roberto la guarda male) M’hanno accidere si ’a parlo cchiù! (E mostra Zenobia).

Roberto (con malcelata minaccia nella voce) — E facite buono[7]: nun ’a parlate a muglierema[8]. Ca chella sta tantu bello[9], quanno nun parla cu nisciuno[10]!

Zenobia (commossa, a Barrella ed a Giannina, che la guardano) — E chesto fa, Roberto mio; chesto fa, vedete? Mi tiene gelosa.

Barrella (mormora a Giannina, che sorride) — Povera disgraziata!

Bagonghi (s’è avvicinato frattanto alla moglie e la trae in disparte) — Ma songo[11] affare ca te riguardano, chiste[12]? Oramai è na cosa ca tene ’a barba[13]! Che te ne ’mporta a tte? Nisciuno parla, vuo’ parla’ tu?

Bettina (feroce, indispettita) — E io faccio na lettera anonima ’a mugliera. (Mostra Zenobia. Bagonghi fa un gesto disperato per dissuaderla da quell’impensato proposito; ma Bettina insiste) E n’ata a essa… (Allude a Nicotina) E n’ata ’a mamma… E n’ata ’o pato[14]

Bagonghi (con tono rabbiosamente ironico) — Si?

Bettina E le faccio pure raccomandate!

Bagonghi — Eh, addirittura!

Bettina — Raccomandate espresse!

Bagonghi (fuori di sé) — E io spengo[15] diece lire ’e francobolli? Cammina! (Spinge Bettina ih malo modo verso l’ingresso del circo. Escono).

Giannina (preoccupata, ma con tono di pigrizia) — Neh, e io che aggi’a cucena’? (A Barrella) Chi ’o sente a chillo (allude al marito) mo che ghiesce[16]?

  1. capa: testa.
  2. surice: topi.
  3. pulice: pulci.
  4. ’mpara’: insegnare.
  5. ’arapi’: aprire.
  6. vocca: bocca.
  7. facite buono: fate bene.
  8. muglierema: mia moglie.
  9. bello: bene.
  10. nisciuno: nessuno.
  11. songo: sono.
  12. chiste: questi.
  13. tene ’a barba!: è cosa già nota da tempo!
  14. pato: padre.
  15. spengo: spendo.
  16. ghiesce: esce.