Paggena:Chiacchiareata seconna nfra lu Cuorpo de Napole e lu Sebeto.djvu/3

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
3
A dì 16 Agosto 1820.

C. de N. Bonni, Compà Sebè: Eccome ccà de retuorno tunno, frisco, e allerio cchiù de chello nche me partette da Napole.

Seb. Bemmenuto Comparone mio. E comme? me dice, ca te ne vaie pe tre o quatto juorne, e pò te sì stato fora cchiù de no mese? Addò te sì nfrociuto tutto stò tiempo?

C. de N. E chi te lo bbò conta? Aggio gerato la Lecca e la Mecca comme se dice. Aggio mesurato a parmo a parmo tutte le Provencie de lo Regno; e mme sò addecriato trovanno pe tutto na coietutene, no ntosiasmo, n’aunione ch’è no Paraviso. Pe le strade, a le Chiazze, e la campagna, int’a le Taverne, mmiez’a le Chiesie auto non stente ca benneziune a lo Rrè nuosto, a lo Prencepe, e a la Costetozione.

Seb. Addonca nProvencia non nce sò partite, non nce sò mbruoglie?

C. de N. Tu quà mbruoglie, e quà partite, vaie contanno? là nna partita schitto se joca da tutte, e non se canoscono aute carte ca chelle de la Costetuzione.